By | 15/07/2021
Profilatrici a rulli versatili, sicure e affidabili

Quando si acquista una profilatrice a rulli (vedi su Evomach) non bisogna considerare solo il fattore prezzo. Oggi esistono profilatrici per lamiere molto più funzionali rispetto ai modelli tradizionali. Si tratta di macchine che sfruttano sofisticata tecnologie e pensate per ottimizzare il lavoro.

Grazie alle moderne profilatrici a rulli sarà possibile realizzare svariate lavorazioni. Questi macchinari presentano delle caratteristiche che le rendono semplici da usare, oltre che versatili.

Ma quali peculiarità tecniche deve avere una profilatrice per lamiera?

Invece che puntare su una obsoleta profilatrice grondaie è meglio concentrare la scelta su macchine profilatrici di qualità, affidabili e in grado di sopportare anche lavorazioni continue.

Macchine per lattoneria: aspetti generali

Oggi sul mercato si trovano svariate profilatrici per lamiera. Un modello non vale l’altro. Quando si sceglie una nuova profilatrice a rulli la prima cosa da fare è comparare le caratteristiche tecniche fra i diversi modelli, per trovare quello più in linea con le specifiche necessità.

Solitamente le profilatrici per lamiere più affidabili sono quelle portatili, molto apprezzate per la loro versatilità. Queste macchine per lattoneria infatti offrono il grande vantaggio della facile trasportabilità. Essendo pratiche da spostare si rivelano ideali per realizzare le ultime finiture delle lamiere di vario tipo, sia all’interno delle aziende e sia nei cantieri.

Una profilatrice per lamiera di questo tipo viene equipaggiata con un motore elettrico e costruita con materiali di prima scelta per assicurare durabilità nel tempo. A questo riguardi vanta una struttura in acciaio tubolare, pulsanti di emergenza e la postazione di lavoro integrata.

L’utente potrà contare inoltre sui pulsanti di emergenza, oltre che su diversi accessori per personalizzare la lavorazione. Bisogna anche segnalare la possibilità di cambiare la bobina in maniera semplice. La segna da taglio può essere regolata a piacimento secondo varie impostazioni.

Una profilatrici per lamiera di questo tipo funge anche da profilatrice grondaie, quindi è in grado di lavorare non solo l’acciaio, ma anche l’alluminio e il rame con risultati molto precisi.

Macchine profilatrici: altre caratteristiche

Vale la pena investire nelle profilatrici a rulli di qualità, per ottenere lavorazioni a regola d’arte e di conseguenza soddisfare al meglio le richieste della clientela.

In fase di scelta è sempre meglio concentrare la scelta su una profilatrice a rulli distribuita da un’azienda leader nel settore, altamente specializzata nella produzione di macchine per lattoneria.

Le migliori profilatrici per lamiere sono non solo portatili, ma progettate per pannelli di vario tipo, quali doppio maschio e femmina, oppure maschio/femmina. Rappresentano soluzioni efficaci per il taglio della lamiera di diverso spessore, il tutto senza sbavature e imprecisioni. In questo modo si eliminano errori durante la lavorazione, quindi inutili scarti di materiale.

Utilizzando una profilatrice per lamiera di ultima generazione si riescono a portare a termine lavorazioni semplici o complesse, secondo quanto viene richiesto dai committenti. I canali di gronda, ad esempio, possono avere le forme più disparate, ovvero tonde, quadrate e sagomate. Sarà semplice anche realizzare frontespizi, converse, lamiere grecate e molto altro ancora.

Considerazioni finali

Alla luce di quanto emerso si comprende bene come le profilatrici per lamiera oggi in commercio non sono tutte uguali. Per questo si consiglia di non compiere scelte frettolose in fase di acquisto. Meglio sempre optare per macchine profilatrici che permettono varie lavorazioni, semplici da posizionare e con postazione di lavoro integrata per garantire un facile utilizzo.

Una profilatrice grondaie di elevata qualità viene messa a punto per garantire lavorazione sempre molto rifinite, anche in serie. Riescono a realizzare un’ampia gamma di profili in tempi brevi ed evitando errori di esecuzione che si traducono non solo in perdite di tempo, ma anche in costi per l’azienda.