By | 05/08/2020
Responsabile sicurezza cantiere quando e perché è necessario

I cantieri, siano essi civili oppure industriali, sono i luoghi di lavoro in assoluto più pericolosi. Da sempre infatti è proprio sui cantieri che hanno luogo la maggior parte degli incidenti, in alcuni casi anche mortali. Proprio per questo motivo è di fondamentale importanza che si presti sui cantieri la massima attenzione possibile alla sicurezza e che si pensi anche alla vigilanza. Esiste ovviamente una normativa di riferimento, D.Lgs. 81/08, che descrive in modo chiaro quali sono le figure professionali che devono essere presenti in un cantiere proprio per garantire sicurezza e vigilanza. Tra queste, la figura del coordinatore o responsabile sicurezza cantiere.

Responsabile sicurezza e non solo, le figure professionali nei cantieri

Come abbiamo appena affermato, la normativa attualmente vigente prevede tutta una serie di figure professionali per la sicurezza sui cantieri:

  • Coordinatore della sicurezza. Lavora già in fase di progettazione del cantiere, per far sì che possa da subito essere realizzato a norma e risultare sicuro. Il coordinatore della sicurezza lavora però anche quando il cantiere è già pronto e i lavori iniziati, per vigilare che tutto sia portato avanti nel pieno rispetto di quanto progettato e che non vi siano delle falle nel sistema.
  • Addetti alle emergenze. Eliminare alla radice ogni rischio al cento per cento è impossibile. Proprio per questo motivo devono essere presenti degli addetti che intervengono in caso di pericolo grave, in possesso ovviamente di apposite attrezzature, in modo da risolvere il problema al più presto. Ovviamente mettono in atto tutte le misure di protezione e prevenzione previste e decise in fase di valutazione rischi e progettazione cantiere.
  • Responsabile del servizio prevenzione e protezione (RSPP). Deve valutare i rischi e pensare a quali possano essere le misure di sicurezza da far scendere in campo per minimizzarli.
  • Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza (RLS). Eletto dai lavoratori stessi, è il loro rappresentante e portavoce. Ovviamente deve seguire appositi corsi di formazione prima di assumere sulle sue spalle questo ruolo.
  • Responsabile dei Lavori (RDL). Questa è una figura professionale facoltativa, che ha un incarico di controllo.

Responsabile sicurezza cantiere: a chi rivolgersi

Tante diverse figure professionali, tanti ruoli da prendere in considerazione, tanti progetti da far scendere in campo. Tante cose insomma a cui pensare. Ma davvero chi deve mettere su un cantiere ha abbastanza forza lavoro per pensare anche a tutto questo in modo autonomo? E soprattutto, davvero ha tutte le competenze di cui si ha bisogno per non commettere errori?

È necessario ricordare che gli errori sono del tutto fuori discussione, perché un cantiere deve essere sicuro e i lavoratori protetti, perché se un cantiere risponde a queste caratteristiche è non è solo possibile tutelare i lavoratori, ma è possibile renderli felici di portare avanti la loro attività, fedeli e più performanti. Quindi è preferibile non lasciare tutti questi aspetti al caso.

Chi deve creare un cantiere non deve far scendere in campo competenze che non si possiedono. Meglio affidarsi ad una ditta esperta che sia specializzata proprio in sicurezza sui cantieri.

Come scegliere la realtà su cui fare affidamento

Per scegliere la realtà esterna su cui fare affidamento, sono queste le caratteristiche che a nostro avviso è bene prendere in considerazione:

  • Esperienza. Deve trattarsi di una realtà che ha maturato una lunga esperienza nei cantieri, civili e industriali, di piccole e di grandi dimensioni, su suolo italiano così come all’estero.
  • Professionalità. Tutte le risorse che questa realtà fa scendere in campo devono essere altamente specializzate e professionali.
  • Strumenti. Oltre alle risorse, è importante che siano a disposizione di questa realtà anche strumenti informatici e gestionali di elevato livello e altamente tecnologiche.
  • Normative. Deve sempre essere garantito il massimo rispetto sulle normative attualmente vigenti.

Organi di vigilanza. Deve anche garantire una gestione dei rapporti con gli organi di vigilanza impeccabile.